Abbruzzese – Consorzi bonifica: si sta delineando l’ennesimo fallimento di Zingaretti

“Si sta delineando l’ennesimo fallimento del governatore Zingaretti. Dopo la sanità, i trasporti e l’occupazione anche per quanto concerne la riforma dei consorzi di bonifica il governatore sta sbagliando approccio alla problematica.
Da questa estate fino ad oggi,  con tutte le criticità riscontrate dalle aziende agricole a causa della siccità, sono state evidenziate le grandi falle delle politiche messe in campo dal governo regionale per quanto concerne la riorganizzazione dei consorzi di bonifica del Lazio. Una riforma rimasta appesa e che ha causato e continua a causare danni alle realtà imprenditoriali del settore agricoltura del territorio”.
Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.
“Questa inerzia, sta provocando una forte ed indiscutibile penalizzazione, anche di carattere economico, tale da configurarsi eventualmente come danno erariale, per le tante imprese agricole del territorio, che nella presenza dei Consorzi hanno sempre individuato in passato una guida imprescindibile, in relazione alla salvaguardia idraulica.
Oggi, purtroppo, a causa della scarsa produttività degli enti di bonifica, le aziende agricole non sono affatto tutelate. Ciò rappresenta un vero e proprio fallimento da parte di Zingaretti e compagni, visto e considerato che a quasi un anno dall’approvazione della riforma per la riorganizzazione di questi enti, non esiste un piano per la fusione dei Consorzi, che avrebbero dovuto redigere i commissari nominati dal governatore.
Documento a cui dovrebbe essere anche legato il modello organizzativo nel rispetto dei principi di efficienza, efficacia ed economicità dell’organizzazione e funzionamento dell’ente.
In particolare, l’azione dei Consorzi è importante per individuare delle soluzioni comuni per fronteggiare la drammatica situazione determinata dalla siccità delle scorse settimane che ha generato una vera e propria situazione di generale e preoccupante allarme nei territori del Lazio. Peculiarità che in questi 9 mesi gli enti in questione hanno perso totalmente”. Ha concluso Abbruzzese.