Abbruzzese – “L’Italia e l’Europa che vogliamo” confronto su tematiche importanti su cui fondare nostra proposta politica

Mario Abbruzzese

“Come abbiamo saputo lavorare in questa occasione che ci ha visto uniti alle recenti amministrative in Provincia di Frosinone, dobbiamo essere capaci di lavorare insieme per dare all’Italia una forza politica che abbia il coraggio di interpretare, e rivendicare, la globalizzazione per quello che in effetti è: un grande progetto di espansione dei valori e delle economie dell’Occidente, con effetti benefici sul resto del mondo. Giacimenti di idee alimentati da cittadini che hanno capacità di ogni genere, e che devono essere lasciati liberi di esprimere fino in fondo il proprio potenziale.

La manifestazione di Fiuggi, L’Italia e L’europa che vogliamo” promossa dal presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani, a cui parteciperà anche il presidente Silvio Berlusconi, in programma il 15, 16 e 17 settembre ci permetterà di affrontare tematiche di attualità su cui fondare la nostra proposta politica”.

Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e Presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.

“L’Italia non è condannata solo a difendersi dalle incognite del futuro ma può valorizzare le proprie potenzialità tanto e più degli altri grandi paesi europei. Sta a noi proporre un progetto vincente e credibile, un programma convincente, capace di raccogliere consensi oltre gli steccati tradizionali degli schieramenti della seconda Repubblica e le nostalgie delle Prima. E’ un invito a reinterpretare l’essenza del fare politica una lunga gara di resistenza dove tante persone partecipano, dove arrivare è la cosa importante. Dobbiamo allenarci alla responsabilità, alla condivisione degli obiettivi, dei successi, delle sconfitte e delle colpe, al dialogo all’ottimismo, alla coerenza, politica, civile, sociale, al rispetto.

Per fare questo, sono necessarie: la partecipazione individuale dei cittadini e quella collettiva di gruppi e associazioni che devono poter mantenere la loro identità. ci aspettano tre giorni intensi di confronto che non potranno far altro che aiutarci a crescere e a continuare su una strada che possa continuare ad irrobustire i valori e l’Italia che desideriamo”. Ha concluso Abbruzzese.