Abbruzzese: “Tasse, burocrazia e mancanza di credito mettono in ginocchio le imprese”

“Troppe tasse, una burocrazia che rallenta lo sviluppo a e la cronica mancanza di liquidi. Sono queste le criticità che stanno mettendo in ginocchio le imprese del territorio. Ostacoli che per alcuni neo imprenditori sono insormontabili e si evince dal fatto che il Lazio è la seconda regione per il tasso di mortalità delle imprese a cinque anni dalla nascita”.

Lo ha dichiarato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.

“Nonostante ciò però il governo regionale non riesce a concepire provvedimenti seri ma soprattutto efficaci per permettere agli imprenditori di dedicarsi esclusivamente alla loro produzioni e alle attività di innovazione delle proprie aziende, invece di girovagare spaesati, per giorni interi, tra le mille insidie della burocrazia prodotta negli uffici della Regione Lazio.
E’ quindi quantomeno inopportuno, ogni volta, esultare perché il Lazio ha sempre in positivo il saldo relativo alla nascita di nuove imprese, che è comunque un dato che conferma che l’attività imprenditoriale sul territorio è sempre in fermento, se poi più della meta delle start up chiude i battenti nei 5 anni successivi alla nascita perché i profitti, appunto, non decollano.
Serve un cambio di passo, che per altro non ci aspettiamo di certo in questi ultimi mesi di mandato da Zingaretti e compagni, che possa garantire alle imprese meno tasse, meno burocrazia e soprattutto più facilità nell’accesso al credito” – ha concluso Abbruzzese.