Acqua, ambiente e Teatro, il movimento noAcea chiede un consiglio ad hoc

Tornano in campo gli attivisti del movimento #NoAcea a Cassino e questa volta con una richiesta diretta al Presidente del Consiglio Comunale Dino Secondino e al Sindaco Carlo Maria D’Alessandro

“Ai sensi dell’art. 49 del Regolamento chiedono di convocare il prossimo Consiglio Comunale ad “adunanze aperte”, se opportuno anche presso la Biblioteca Comunale fanno sapere dal comitato, e di dar voce attraverso organismi di partecipazione popolare, ai cittadini di Cassino.

Gli argomenti che interessano e che suscitano preoccupazione sono:

1) Passaggio S.I.I. Acquedotto comunale/ACEA, con relativa traslazione contrattuale, Risoluzione ai sensi dell’art. 34 della convenzione, impegno per costituzione società pubblica in house e impegno per Recesso/Riscatto ai sensi art. 35 della Convenzione.

2 #TEATROMANZONI:
Agibilità e messa in sicurezza , dopo le prescrizioni fatte dai Vigili del Fuoco (messa a norma, opere straordinarie e ordinarie)

3 La #SALUTE in generale, con il bubbone dei terreni avvelenati, caso Fiothec e depuratore Cosilam.

Attendiamo fiduciosi nel Solo Interesse dei #CASSINESI”.