Acqua a singhiozzo nella frazione di Caira, domani rubinetti chiusi a Cassino

L'impianto Acea a Caira

L’afa di questi ultimi giorni ha reso ancora più esasperati gli animi dei residenti nella frazione di Caira che da quasi due giorni è senza acqua potabile nelle abitazioni private. Il servizio procede a singhiozzi a causa dell’emergenza siccità registrata nella provincia di Frosinone ma in questo fine settimana la popolosa frazione di Cassino è rimasta a secco.

Niki Dragonetti
Niki Dragonetti

Rubinetti chiusi e un malumore crescente. Ad alimentare i malcontenti popolari ci ha pensato Niki Dragonetti che, con tanto di videocamera portatile, ha registrato un video davanti agli impianti idrici di Caira denunciando l’accaduto e l’inanità della classe politica territoriale che avrebbe potuto, a suo dire, rappresentare meglio gli interessi dei cittadini. Ma non solo, Dragonetti ha anche tenuto a far sapere a tutti che domani, primo giorno utile, “mi recherò in Procura per presentare un esposto per interruzione di pubblico servizio e attiverò tramite il senatore Mario Mauro una interrogazione urgente ai ministri competenti. Mentre il sindaco sfila, i consiglieri regionali sono inesistenti e pensano ad altro noi cerchiamo di combattere”.

Intanto, la città di Cassino si prepara al lunedì nero senza acqua.

“Acea Ato 5 comunica che per lavori di manutenzione programmata (collegamento nuova condotta) in via Crocifisso, finalizzati al miglioramento del servizio idrico del Comune di Cassino, lunedì 10 luglio 2017 dalle ore 8.00 fino alle ore 15.00, si verificherà una sospensione del flusso idrico.

In particolare le zone interessate sono le seguenti: via Crocifisso, via Campo di Porro, via Ponte la Pietra, via Solfegna, via Cerro, via Cerro Tartari, via Cerro Antico, via Fontana Livia, via San Nicola e area industrialeIl regolare ripristino del servizio è previsto nella stessa giornata(salvo imprevisti).Acea Ato 5 si scusa per i disagi”.