Acqua, tensione alle stelle in consiglio comunale

20.30 – L’acqua infiamma il consiglio comunale

Tra il movimento spontaneo #noacea e la politica è rottura totale. La discussione in assise si è interrotta subito. La folla ha iniziato ad inveire e ad urlare chiedendo che fosse data la parola al portavoce del movimento Renato De Sanctis. “Fate parlare il popolo”, il grido di battaglia in assise. Il clima è diventato incandescente in pochi minuti. La tensione ha toccato l’apice per poi scemare e i cittadini hanno cominciato a lasciare l’aula. Il dibattito si è consumato tra maggioranza e opposizione.  Marina Palma del movimento #noacea ha commentato a caldo: “quello che possiamo dire è che non c’è la disponibilità di stare al fianco dei cittadini”. Il consigliere Antonio ha invitato i cittadini a scelte ponderate e non estremiste”.

L’ex consigliere Vincenzo Durante ha commentato dalla piazza: “E’ evidente l’indirizzo politico dell’amministrazione non affianca la città che sta chiedendo un atto forte di disobbedienza opponendosi alla cessione il primo luglio”.

Ascolta l’audio del commento a caldo dell’ex sindaco e attuale consigliere di minoranza Giuseppe Golini Petrarcone:

 

19.30 – Piazza De Gasperi alza la voce.

Circa  duecento cittadini si è radunato alle porte del Comune di Cassino per portare all’ordine del giorno la mozione promossa dal comitato spontaneo #noacea.

L’idillio tra la piazza e il palazzo si è spezzato immediatamente. Il sindaco ha preso la parola nella sala consiliare tracciando una sorta di memoriale degli atti amministrativi che non ha incontrato il favore della folla che ha preso d’assalto l’aula formando un muro umano.

Il dialogo a distanza tra la piazza, il pubblico e il consiglio è diventato infuocato. La gente chiede di più. Una presa di posizione forte e decisa e invece la risposta del sindaco D’Alessandro è stata contestata fortemente.

Il primo cittadino ha cercato di spostare l’attenzione su un piano di contrapposizione politica e indicato come unica strada la risoluzione del contratto con il gestore privato.

Una posizione troppo morbida e troppo da ‘comizio’ come ha evidenziato dai banchi dell’opposizione il consigliere D’Ambrosio per incontrare il favore dei cittadini che hanno fatto sentire voci di protesta un aula e una pioggia di fischi dalla piazza.

Dopo il lungo discorso del primo cittadino, è iniziata la discussione in aula, mentre la gente in piazza mostrava sempre più delusione e insofferenza.

 

 

 

 

 

Mozione noacea presentata dal Comitato