Aggredirono una loro connazionale con calci pugni e schiaffi per sottrarle la borsa, arrestati due nigeriani a Vairano

Questa mattina a Vairano Patenora frazione Scalo e Teano frazione Carbonara, i carabinieri di Vairano Scalo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura coercitiva della custodia cautelare in carcere nei confronti di due nigeriani ritenuti responsabili di concorso in tentata rapina aggravata e lesioni personali aggravate.

Il provvedimento restrittivo costituisce l’epilogo di un’attivita d’indagine diretta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, inerente ad un tentativo di rapina commesso il 20 giugno dai due indagati, i quali nella pubblica e centralissima via Napoli di Vairano Patenora frazione Scalo, in pieno giorno, aggredivano e colpivano reiteratamente con calci, pugni e schiaffi una loro connazionale al solo fine di sottrarle la borsa, contenente il suo telefono cellulare, un’esigua somma di denaro ed alcuni effetti personali.

A seguito dell’aggressione la vittima riportava contusioni al capo, alla mano sinistra e ad entrambe le gambe.

L’evento non sfociava in ulteriori e pin gravi conseguenze fisiche per la donna poiche la stessa riusciva a divincolarsi dalla presa degli aggressori e a darsi alla fuga verso la stazione ferroviaria; anche grazie all’intervento di alcuni cittadini che, sul posto, facevano notare la loro presenza e allertavano immediatamente le forze dell’ordine, era possibile intervenire prontamente e rinvenire in terra i brandelli della borsa oggetto della tentata rapina.

Dai tempestivi accertamenti era cosi possibile identificare i due autori dei delitti, che nel frattempo si erano rifugiati in un immobile adibito a CTA di immigrati poco distante dal luogo teatro dei fatti, dove avevano cercato di confondersi tra gli altri stranieri ospiti con l’intento di celare la loro identita.