Arpino – Il sindaco Rea ‘divorzia’ da tre membri del suo staff. Ecco perché

Renato Rea, sindaco di Arpino.

“Comunico alla cittadinanza che si è interrotta la collaborazione tra me ed i tre membri dello staff del Sindaco Mauro Visca, Antonio Venditti ed Alessandro Giordano”, così scrive il sindaco di Arpino Renato Rea che chiarisce le motivazioni che lo hanno spinto a questa scelta. Motivazioni che si legano alla recente tornata elettorale che lo ha visto candidato alla Regione. “Per evitare strumentalizzazioni o errate interpretazioni, ritengo opportuno precisare  le cause e le motivazioni che hanno portato a questa decisione.

Poiché nelle ultime consultazioni elettorali regionali, in cui ero candidato, Mauro, Antonio ed Alessandro hanno legittimamente ritenuto di non sostenermi (chi per ovvi motivi familiari, chi per altri motivi) mi è sembrato opportuno e doveroso convocarli  due giorni fa per chiedere loro di rassegnare le dimissioni dall’incarico, proprio perché direttamente da me nominati nel mio staff  e senza il suffragio popolare.  Ritengo che il mio sia stato un gesto non solo “politicamente” ineccepibile, ma anche rispettoso nei confronti di tre amici prima ancora che amministratori, dovendo viceversa procedere ad una spiacevole revoca dall’incarico. Quindi le dimissioni, che ancora mi devono essere formalizzate,  andranno lette in questa ottica, perché altrimenti sarebbero state di certo formulate prima.

Desidero ringraziare Mauro, Antonio ed Alessandro  per il lavoro svolto all’interno dell’Amministrazione Comunale di Arpino  per quasi tutta la durata del mio mandato; a loro  ribadisco la massima stima ed amicizia personale, del  resto  già esternata  nel corso del nostro colloquio.

Alla base della mia decisione non ci sono  quindi dissapori personali; la richiesta di rassegnare le dimissioni è frutto solo della convinzione che le diverse strade politiche intraprese dovessero necessariamente portare ad interrompere qui il nostro comune percorso amministrativo”.