Arpino – Il liceo classico Tulliano ha aderito al progetto Libriamoci 2017

“Libriamoci 2017”, anche il Liceo classico Tulliano ha aderito. Nei giorni scorsi si è tenuta, nel suggestivo scenario dell’Acropoli di Civitavecchia ai piedi della Torre ad Arpino, l’iniziativa voluta dal Ministero finalizzata alla promozione della lettura ad alta voce ed animato dalle parole e dalle musiche dei ragazzi del Liceo Tulliano.

L’evento, al quale hanno dato il proprio sostegno il Comune e la Pro Loco, si è aperto con i saluti del sindaco Renato Rea che si è soffermato sull’importanza della riapertura della Torre di Civitavecchia, ringraziando per l’impegno anche il direttore Stefano Petrocchi seduto in prima fila.

Poi subito la professoressa Zilla ha illustrato la scaletta motivando la scelta dei brani letti dagli studenti e seguiti da musica dal vivo sempre a cura dei ragazzi. Si è iniziato con il De Officiis di Cicerone, proseguendo con le Epistole di Seneca e il Panegirico di Isocrate; infine, il Bisbetico di Menandro, Il Pannello di Erri De Luca e La giornata di uno scrutatore di Italo Calvino, letto quest’ultimo dalla professoressa Palleschi. Grande entusiasmo per i brani letti, molto apprezzati dai numerosi presenti.

Alla fine la parola è passata al dirigente scolastico Paola Materiale, al direttore della Torre Stefano Petrocchi e alla consigliera delegata alla Cultura e alla Pubblica istruzione Rachele Martino che ha concluso con un passo tratto dal diario di Anne Frank per stigmatizzare il grave gesto compiuto da alcuni tifosi nei giorni scorsi. Tra i temi proposti dal Ministero, il Liceo Tulliano ha scelto “Lettura e solidarietà”. Si è trattato davvero di una mattinata magica, in cui tra il fruscio degli alberi di ulivo si udivano soltanto le letture preparate dai giovani, un momento prezioso in cui il tempo dell’immaginazione, senza distrazioni, è stato il protagonista.