Santa Barbara, le celebrazioni dei Vigili del Fuoco

Oggi si sono tenuti presso la sede del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Frosinone i festeggiamenti in onore della Santa Barbara. La manifestazione si è svolta alla presenza delle autorità civili e militari, del personale e dei propri amici e familiari.
Il Comandate nel suo discorso ha rivolto un commosso pensiero alla memoria di tutti i vigili del fuoco caduti in servizio ed un sentito ringraziamento per la viva partecipazione alla cerimonia.
La manifestazione si è aperta con la deposizione della corona in memoria dei caduti, alla presenza del Prefetto SE Ignazio Portelli, a questa è seguita la SS Messa officiata da Mons. Giovanni Di Stefano.
Sono stati consegnati al personale che presta servizio da 15 anni nel Corpo Nazionale le croci di anzianità, la testimonianza per l’impegno profuso nel servizio è stata riconosciuta al VF Andrea Dell’Uomo, al VF Mauro Martella, al VF Valerio Roma, al VF Emanuele Selci, al VF Mauro serrao, all’IA Alessandro Mastroianni, al CR Agostino Roccagrassa, al CS Roberto Tuni, al CTI Serena Vellucci, al OP Serena Corona.
Successivamente sono stati consegnati i diplomi di lodevole servizio al personale collocato in quiescenza nell’anno 2018, in particolare la testimonianza è stata riconosciuta all’IAE Mario Di Giorgio, al CS Gino Campioni e al Sig. Maurizio Iorio.
I Vigili del Fuoco del Comando hanno calorosamente ringraziato tutti i partecipanti all’evento che hanno voluto condividere con loro questo momento di serenità.

“Il giorno di Santa Barbara, oltre a rappresentare una giornata di festa, è anche, nella sua solennità, una particolare occasione per rivolgere un commosso pensiero alla memoria di tutti i colleghi di questo Comando e del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco caduti in servizio, purtroppo anche quest’anno: alle loro famiglie rivolgiamo sentimenti di particolare affetto e commozione. Per me questa è la seconda Santa Barbara da Comandante Provinciale di Frosinone e devo dire che seppure siano trascorsi soltanto 14 mesi dal mio insediamento, ho vissuto questo periodo molto intensamente in un clima di cordialità nella popolazione e di fattiva collaborazione interistituzionale. Il 2018 è stato, come al solito, un anno che ha visto i Vigili del fuoco più volte fronteggiare le grandi emergenze nazionali che hanno colpito il Paese, prestando la propria opera di soccorso tecnico urgente a chi soffre ed è in pericolo” ha detto il Comandante Fabio Cuzzocrea.

A Latina il Comandante Provinciale Clara Modesto, il Funzionario di Guardia e una rappresentanza del personale operativo alle ore 930 si sono recati presso il Cimitero comunale per la deposizione della corona al monumento del V.V.A. Giuliano Carturan (Vigile del Fuoco Ausiliario di leva caduto nell’assolvimento del dovere durante il proprio servizio che stava svolgendo presso il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Latina).

La Santa Messa, officiata da S.E. il Vescovo di Latina, Mons. Mariano Crociata, presso la Cattedrale San Marco di Latina alle ore 1130, ha visto la partecipazione delle autorità civili e militari. Successivamente sono state consegnate, con una cerimonia privata all’interno del Comando, le onoreficenze al personale per il “lodevole servizio prestato al Corpo Nazionale dei
Vigili del Fuoco”.

Attività del Comando di Latina dal l gennaio al 3dieembre 2018
Il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Latina è attualmente strutturato su cinque sedi di servizio distribuite nel territorio provinciale: Latina, Aprilia, Terracina, Gaeta (in ambito terrestre e portuale) e Castelforte. In occasione del periodo estivo a seguito di specifica convenzione tra l’Amministrazione Centrale e la Regione Lazio, al fine di poter fronteggiare le esigenze legate alla campagna incendi boschivi, sono stati attivati altri cinque presidi a Sabaudia, Sonnino, Fondi, Ponza e Ventotene. Svolgono servizio presso le sedi del Comando di Latina 295 unità fra personale operativo e personale amministrativo. Il personale operativo turnista, 247 unite, svolge servizio sui quattro turni A,B,C e D. Per il prossimo anno è previsto l’assegnazione di ulteriori 15 unite Vigili del fuoco.

Il comando provinciale del vigili del fuoco di Isernia è stato insignito a titolo collettivo di una pubblica benemerenza dal dipartimento di protezione civile che ha conferito la medaglia di bronzo per l’emergenza meteorologica che ha colpito il Molise il 5 e 6 marzo 2015, medaglia apposta dal prefetto alla bandiera.

Commiato per il personale collocato a riposo nell’anno corrente, c’è stata la consegna del diploma di lodevole servizio, della medaglia ricordo e della riproduzione della caratteristica
piccozza in dotazione al corpo nazionale dei vigili del fuoco e la consegna delle croci di anzianità al personale del comando di Isernia che ha prestato effettivo lodevole servizio nelle amministrazioni dello stato per oltre 15 anni, dando prova di capacità e zelo.
Ispettore antincendio ruolo aib giancola massimiliano.

“Per la seconda volta festeggio Santa Barbara qui ad Isernia ed oggi – ha detto il comandante Raffaella Pezzimenti – con una consapevolezza maggiore rispetto ad un anno fa, mi sento ancor più onorata di rappresentare il Comando nella ricorrenza della Santa Patrona. L’anno trascorso è letteralmente “volato” e tale percezione deriva probabilmente dal fatto che il lavoro ci ha pienamente coinvolto e motivato. Quello che sta finendo, infatti, è un anno che ci ha impegnato non solo nelle consuete attività di soccorso tecnico urgente, ma anche nelle attività connesse alla gestione dell’emergenza sisma Molise, evento che ha interessato la nostra Regione nel mese di agosto. Ricordo, infatti, che la sera del 16 agosto si è verificato un evento sismico di magnitudo 5.2 della scala Richter, con epicentro nel comune di Montecilfone in provincia di Campobasso, a cui è seguita, alle ore 22.34, una seconda scossa di magnitudo 4.4, sempre con epicentro nello stesso comune. A seguito di tali eventi la Direzione Regionale VV.F. Molise ha disposto l’immediato raddoppio dei turni di servizio del personale operativo VF della Regione e, quindi, anche del personale del Comando di Isernia. Dal giorno successivo venivano attivati due presidi operativi sui luoghi del sisma, rispettivamente a Guglionesi e a Larino, quest’ultimo affidato al personale operativo del Comando di Isernia, che con l’impiego dei mezzi e delle attrezzature in dotazione ha costituito un’unità di comando locale, esercitando la funzione di vera e propria Sala Operativa “115” di prossimità, per acquisire, in loco, le richieste di intervento da parte della popolazione. Abbiamo operato in regime di raddoppio turno per 22 giorni, durante i quali, nonostante l’impegno esterno e straordinario legato alla gestione 3 dell’emergenza sismica, abbiamo comunque continuato ad assicurare l’ordinaria attività di soccorso tecnico urgente sull’intero territorio provinciale e di questo va dato grande merito a tutto il personale operativo, per l’abnegazione e la professionalità dimostrata. E’ opportuno, ancora, ricordare che nello stesso periodo era attiva la Campagna AIB (antincendi boschiva) 2018 e ciò ha reso ulteriormente più articolata la situazione operativa del Comando”.