Cassino – Ancora sversamenti al depuratore

“Ennesimo sversamento di fanghi reflui  nell’area  industriale di Cassino. Basta, non ce la facciamo più”. A far scattare lo stato di allerta tra i residenti è stato l’ipotizzato malfunzionamento di una stazione di sollevamento del Cosilam, gestita da una società che opera nel campo della gestione dei servizi di acquedotto, fognatura e depurazione.

“Dal 2010 – affermano i residenti – viviamo con i gravi malfunzionamenti di questi impianti. Abbiamo segnalato gli episodi che si sono verificati e abbiamo richiesto l’intervento di tutte le unità di pubblica sicurezza e degli enti come ARPA LAZIO. Purtroppo non si è riusciti a risolvere questo grave problema di attacco all’ambiente. I reflui, che dovrebbero giungere al depuratore, invadono  i campi e i fiumi tra cui Rio Fontanelle e fiume Rapido , e che poi vanno a contaminare il mondo della fauna ittica e il territorio circostante.

Il popolo e’ stanco di essere martoriato in questo modo e’ arrivato il momento che chi e’ designato alla tutela dellìincolumità dei cittadini e preposti alla salvaguardia dell’ambiente  intervengano e risolvessero tale scempio”.