Cassino – Giornata ecologica a Solfegna Cantoni, tra i rifiuti anche un ordigno bellico inesploso

Si è svolta stamattina la giornata ecologica a Cassino nelle contrade Solfegna e Cerro.

L’Amministrazione comunale e il comitato Solfegna Cantoni proseguono il lavoro in sinergia a tutela dell’ambiente cittadino.

Quella di oggi è stata la prima Giornata Ecologica dedicata alla pulizia della contrada Solfegna – Cerro.

Un appuntamento che ha rinnovato la collaborazione tra l’Ente del comune di Cassino e il Comitato Solfegna, da anni impegnati in un percorso finalizzato alla valorizzazione del territorio.

Una bella domenica di sole e impegno civico – La Giornata Ecologica 2017 è iniziata alle 8 di questa mattina e dopo il raduno dei partecipanti, tutti in macchina verso contrada Solfegna per iniziare la caccia al rifiuto.

Presente, insieme agli oltre trenta ambientalisti del comitato Solfegna e ad alcuni operatori comunali le guardie ecologiche di supporto, anche l’assessore all’Ambiente del Comune di Cassino, Dana Tauwinkelova, che ha voluto contribuire fattivamente alle operazioni di raccolta.

Attivi anche piccoli e piccolissimi “cacciatori di rifiuti” che, ognuno secondo le proprie possibilità, ha contribuito a rendere più pulita e vivibile la contrada Solfegna.

Questi i numeri della giornata:

2 automezzi, tipologia porter adibiti alla raccolta differenziata, 2 autocompattatori di indifferenziato, e 2 automezzi riempiti di ingombranti.

Un lavoro faticoso ma gratificante, che ha restituito una periferia a portata di cittadino.

Quando differenziata vuol dire partecipazione – «Sono estremamente soddisfatto per la riuscita della prima Giornata Ecologica. Un risultato che da il senso della grande partecipazione dei cittadini e delle associazioni al progresso civile del comune di Cassino». Così l’assessore all’Ambiente del Comune di Cassino, Dana Tauwinkelova, sul successo dell’iniziativa di Oggi.

«L’Amministrazione comunale di Cassino  – ha commentato ancora Dana Tauwinkelova – e in particolare l’assessorato all’Ambiente, in piena sinergia con gli esponenti del comitato Solfegna, ha inteso dare seguito ad un appuntamento che valorizza la contrada Solfegna e accresce la sensibilità dei cittadini verso la cultura “verde”.

La partecipazione e la condivisione delle regole e degli obiettivi sono valori per noi fondamentali.

Il comitato Solfegna – ha aggiunto – sta interpretando al meglio questa filosofia virtuosa».

Un’iniziativa importante per la quale il sindaco Carlo Maria D’Alessandro ha espresso apprezzamento per la riuscita: “Sto vedendo un tessuto sociale attivo e propositivo – ha affermato Carlo Maria D’Alessandro – che promuove iniziative cruciali per il progresso della nostra comunità”.

Il presidente del comitato di Solfegna Cantoni, Giovanni La Marra, ha commentato: “Questa mattina, tanti cittadini di Cassino hanno rimosso dalla contrada Solfegna diversi quintali di rifiuti. Peccato che tante  associazioni ambientaliste di Cassino non abbiano inteso partecipare.

Partecipazione – ha spiegato il presidente Giovanni La Marra – vuol dire democrazia e progresso civile. Il nostro dialogo con l’amministrazione comunale proseguirà anche in futuro, con ulteriori iniziative di volontariato a favore del territorio”. “L’Amministrazione, dal suo canto – ha detto l’assessore Tauwinkelova – proseguirà la sensibilizzazione al rispetto partecipato e attivo dell’ambiente”.

“Il nostro motto è – ha precisato il presidente del comitato Solfegna – quello di coinvolgere i cittadini per mantenere il massimo rigore sul decoro urbano e poi si avvieranno una serie di iniziative per far sì che nessuna periferia si senta più periferia della città. Il messaggio è rivolto a quanti vogliono il bene del proprio quartiere e a quanti invece di prendersela sempre con il Comune iniziano da subito a tutelarlo e rispettando l’ambiente si attivano a renderlo più decoroso e bello”.

Durante le operazioni di pulizia in un terreno nella contrada Solfegna è stato inoltre trovato un ordigno bellico inesploso (foto in basso) risalente al secondo conflitto mondiale. Per questo sono state attivate tutte le procedure per la messa in sicurezza e la zona è stata circoscritta.