Cassino – La testimonianza di Samuel Modiano, sopravvissuto ai campi di sterminio di Birkenau e Auschwitz

“Sono stato scelto per dirvi che quando noi non ci saremo, ci sarete voi. Questa è la mia speranza”, le parole di Samuel, detto Sami, Modiano si imprimono nella mente. La sua voce non ha quasi mai cedimenti, è il portatore di una testimonianza dolorosissima e altrettanto lucidissima attraverso la quale riviviamo le ferite del ‘secolo breve’.

Fare memoria di quello che è accaduto come antidoto all’aberrazione e al male assoluto, fare memoria come missione di vita. Samuel Modiano ha oggi 87 anni ed è un sopravvissuto. E’ sopravvissuto all’orrore dei campi di sterminio di Birkenau e di Auschwitz, è sopravvissuto alla morte dei suoi cari, agli effetti delle leggi razziali, allo sgomento del dopo e a quel sottile senso di colpa “perché io?”, è stato amico di Piero Terracina e proprio insieme a lui ha affrontato la prova, forse, più difficile, ripercorrere le strade del ricordo, riportare alla luce umiliazioni, sofferenze, fame, paura, morte, rivivere tutto questo per offrirlo alle nuove generazioni, a chi è venuto dopo, affinché non dimentichi. Quel concetto di fare memoria è all’origine della manifestazione che si terrà lunedì 4 dicembre realizzata dall’Itcg “Medaglia d’Oro – Città di Cassino” dal titolo “Mai più” – L’esperienza di Auschwitz di Sami Modiano. L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto di valorizzazione della memoria storica del territorio e della promozione del rispetto dei valori umani alla base della convivenza civile.
La giornata, fortemente voluta dall’Itcg “Medaglia d’Oro”, guidato dal dirigente scolastico Marcello Bianchi, è stata coordinata dalle professoresse Maria Luisa Calabrese e Sabrina De Rosa e vedrà il coinvolgimento delle ultime classi degli istituti superiori della città. L’evento sarà ospitato nell’aula Magna dell’università degli studi di Cassino e del Lazio meridionale. Un appuntamento molto sentito e atteso dagli studenti e non solo che avranno l’opportunità di incontrare Samuel Modiano, accompagnato dalla moglie Selma. Parteciperanno alla giornata la dottoressa Sara Procaccia responsabile cultura dell’associazione delle donne ebree italiane e il rettore dell’Unicas Giovanni Betta oltre ad autorevoli esponenti della società civile e religiosa del territorio.

Paola Caramadre