Chiostro in Scena, continua a Veroli la magia del teatro all’aperto

Veroli riscopre la magia del teatro all’aperto. Il teatro ernico è ripartito da un palcoscenico en plein air. Un azzardo, un coraggioso colpo di scena che, ci dicevano, aveva un po’ del folle, un po’ del coraggioso. Per noi dell’Associazione Duecento22- Arti e Spettacolo, gestori del Teatro comunale di Veroli, si chiama solo Teatro. L’amore per il teatro, la forza del teatro, la vita dentro il teatro. E grazie ad una Veroli che ci ha offerto le sue sere migliori, siamo qui ora a ringraziarvi per il grande successo ottenuto. Gli spettacoli di luglio hanno registrato il sold out. Partecipazione emotiva ed applausi che non ascoltavamo da troppo tempo. La rassegna “Chiostro in Scena”, che per la prima volta si svolge esclusivamente all’aperto nel suggestivo Chiostro di Sant’Agostino e nel rispetto del protocollo ‘VeroliSicuramente’, vede fuori scena tanti attori ed a loro va il nostro ringraziamento: all’amministrazione comunale tutta in particolar modo al consigliere delegato alla Cultura Francesca Cerquozzi, alla Pro Loco, alla Consulta delle Associazioni, alle compagnie teatrali che si sono esibite ed al pubblico che ha reso questa iniziativa un successo che resterà nella nostra memoria. Veroli è questa, sa farsi muta parola quando è necessario e sa ripartire raggiante alla prima occasione. Tante persone bramose di ritornare a vivere e a sorridere, respirando storie e l’emozione unica di un Teatro senza tetto che non impone limiti ma innalza al cielo meravigliosamente ‘ernico’ le sensazioni che può dare solo un sipario nel momento che si apre al mondo. E sarà ancora così nel mese di Agosto con due imperdibili appuntamenti. Il primo spettacolo in calendario andrà in scena sabato 1 agosto alle ore 21.30. Sarà il Teatro Labrys a portare in scena “Ora d’aria”, regia di Fabrizio Di Stante. Sabato 8 agosto, sempre alle ore 21.30, come ultimo spettacolo della rassegna teatrale un super classico: “L’amore medico” di Moliére, Teatro dell’Appeso, regia di Amedeo Di Sora. Ci sono storie che curano coi loro alfabeti semplici, che si fermano in bilico sullo strapiombo di una gioia senza ombre. Ci sono storie fatte di uomini e personaggi che ruotano in composte forme mutevoli. C’è il Teatro di Veroli e ci siete voi che rendete tutto questo una storia vera. Gli eventi, nel rispetto delle normative anti Covid come da regolamento ‘VeroliSicuramente’, sono a numero chiuso per un massimo di 45 spettatori. Per partecipare è necessaria la prenotazione. Obbligo dei dispositivi di sicurezza (mascherina) e rispetto del distanziamento sociale.

Enrico e Fabrizio (Associazione Duecento22 – Arti e Spettacolo)

Per info e prenotazioni:

Enrico 340 9109655

Fabrizio 389 1762555