Covid-19, la Provincia istituisce un gruppo di lavoro permanente di emergenza

Il presidente Pompeo: garantire servizi indifferibili e urgenti mettendo al primo posto la salute

Un nuovo decreto, che arriva all’indomani delle misure ancora più stringenti adottate dal Governo nell’ultimo Dpcm dell’11 marzo scorso. È quello firmato dal presidente della Provincia di Frosinone, Antonio Pompeo, che oltre alla regolamentazione del ‘lavoro agile’ per dirigenti e dipendenti, istituisce un gruppo di lavoro permanente di emergenza, composto dagli organi di vertice amministrativo e tecnico dell’ente provinciale.

In particolare, questo gruppo ristretto di funzionari è autorizzato e delegato a porre in essere tutti gli atti urgenti, necessari per adottare misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 che riguardano le competenze e l’organizzazione della Provincia di Frosinone, in relazione alle direttive emanate dal Governo sulla materia.

In ottemperanza alla misura 6 del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri dell’11 marzo scorso, sono individuate quali attività indifferibili da rendere in presenza: servizi di controllo e vigilanza di agenti e ufficiali di polizia provinciale (che per il pattugliamento dovranno essere muniti dei necessari dispositivi di sicurezza previsti dalla normativa igienico-sanitaria); servizi di manutenzione stradale; servizi ambientali non differibili; servizio trasporti e tutte le attività ritenute strettamente funzionali alla gestione dell’emergenza.

Per quanto riguarda il lavoro agile, le disposizioni sono estese a tutto il personale di qualsiasi profilo, al personale amministrativo dell’Agenzia Frosinone e Lavoro e al personale utilizzato, a qualsiasi titolo, dall’Agenzia Provinciale Energia Frosinone. Per il personale al quale non può essere applicata la modalità del lavoro agile, ciascun dirigente è autorizzato a programmare ferie e congedi retribuiti per i dipendenti.

“La drammaticità di un’emergenza epidemiologica senza precedenti, – le parole del presidente della Provincia, Antonio Pompeo – che ha stravolto la quotidianità e gli stili di vita di tutti non può non essere gestita con tutto l’impegno, la responsabilità e la consapevolezza di misure anche forti ma necessarie e irrinunciabili. Con questo decreto abbiamo istituito un gruppo di lavoro di emergenza, formato dai dirigenti amministrativi e tecnici che continueranno a garantire i servizi indifferibili e urgenti e con i quali sarò in stretto contatto. Questo fino a quando non sarà possibile, lentamente, tornare alla normalità. Con l’adozione dello ‘smart working’, infine, – ha concluso il presidente Pompeo – tuteliamo tutti i dipendenti, consentendo loro di operare dalle loro abitazioni e continuare a svolgere, seppure in una modalità per molti nuova ma certamente utile in questo momento, il loro lavoro senza spostarsi da casa”.