Differenze contributive, la Uil porta l’Ater in tribunale

Paolo Pandolfi

“Continua la difesa dei lavoratori del pubblico impiego da parte della UIL FPL provinciale che, per una vicenda riguardante un dipendente dell’A.T.E.R. di Frosinone, ha fatto condannare questo ente al pagamento di quasi 30 mila euro per differenze retributive risalenti dal dicembre 2009 ad oggi, con il conseguente inquadramento dirigenziale per il lavoratore ricorrente”. E’ quanto comunicato in una nota della UIL FPL Frosinone, dove è anche comunicato che “Grazie allo Studio legale Risi di Frosinone, rappresentato per conto della UIL FPL dagli Avv. Giuliano Risi ed Ida Germani, il dipendente è riuscito a farsi riconoscere i suoi legittimi diritti portando in giudizio il suo datore di lavoro davanti al Tribunale del capoluogo, dove la Giudice del lavoro, Dott.ssa Novella Zaira, con apposita sentenza – la n. 1463/2017 – ha accordato al lavoratore difeso dal Sindacato l’adeguato risarcimento richiesto”.

Paolo Pandolfi, Segretario Territoriale del comparto pubblico della UIL ha detto che “ancora una volta come sigla sindacale otteniamo una nuova vittoria nelle aule giudiziarie e di cui possiamo andare orgogliosi, primo perché conferma quanto la nostra vigilanza sui posti di lavoro riesca a renderci referenti affidabili, sia perché queste nostre attenzioni alle vicende lavorative dei colleghi, pur finendo davanti al Giudice, confermano la nostra volontà di proteggere i più deboli dal comportamento, spesso cinico e miope, di troppi datori di lavoro pubblici”.