Frosinone, proseguono teatro e cultura in piazza

Dopo una prima settimana di programmazione contraddistinta da una grande partecipazione di pubblico (nel rispetto delle normative in materia di distanziamento sociale), giovedì 23 luglio tornerà in piazzale Vittorio Veneto Teatro Musica e Cabaret tra le porte.

La manifestazione, ideata dall’amministrazione Ottaviani nonostante le difficoltà legate al periodo, si terrà fino al 28 agosto, con inizio alle 21.30 sempre con ingresso rigorosamente gratuito: l’organizzazione della rassegna è stata curata dagli assessorati al centro storico e alla cultura, coordinati rispettivamente da Rossella Testa e Valentina Sementilli, con il consigliere delegato ai grandi eventi Gianpiero Fabrizi, in collaborazione con Atcl e con il prezioso contributo della Banca Popolare dei Frusinate.

Giovedì sarà la volta dell’ensemble del conservatorio di Santa Cecilia nella serata dal titolo “Quattro chitarre suonano la gioia”… La gioia di vivere, amare, gustare la musica, composta soprattutto da autori italiani. Federico Attanasio, Alessia Bellettini, Lorenzo Fravolini e Gabriele Santori, in ordine di disposizione sul palco, sono studenti di chitarra al Conservatorio di Roma Santa Cecilia. Nel corso della performance, eseguiranno brani tratti dai repertori di F. Carulli, G. P. Da Palestrina, C. Monteverdi, J. S. Bach, D. Scarlatti.

Venerdì 24 tornerà il grande teatro anche se non si potrà fare a meno di parlare di musica: sarà di scena infatti “Callas d’incanto”, scritto e diretto da Roberto D’Alessandro, con Debora Caprioglio. Bruna, fedele governante di Maria Callas, al suo servizio dal 1953 al 1977, è stata l’ombra della Divina e come una Vestale, ne custodisce la memoria, i ricordi, l’idea di una donna che ha rappresentato tutta la sua esistenza, per la quale la sua vita ha avuto ed ha ancora una ragione. Bruna, durante tutto lo spettacolo, attende il ritorno della sua Madame. L’aspetterà per sempre, perché si sente come la tessera di un puzzle che completa un mosaico. Alla fine il desiderio di vedere entrare Maria Callas si fa irresistibile: “Madame – cioè la signora Callas – non c’è, sta per arrivare.” La Divina non può entrare. Il suo corpo non è più tra noi anche se lei è ancora in mezzo a noi come un’idea, una leggenda, un mito… per una serata d’incanto. Ancora musica nella serata di sabato 25. Il maestro Ennio Morricone è scomparso lo scorso 6 luglio: i più importanti rappresentanti della musica e del cinema di tutto il mondo hanno ricordato, commossi, il genio e le opere consegnate all’immortalità di un artista legato a doppio filo a Frosinone e alla Ciociaria. Nel corso della serata, il trio di archi e voce composto da Demi Laìno (Violino), Silvia dello Russo (Viola), Donato Cedrone (Violoncello) e Simone Ignagni (canto) renderà un emozionante omaggio al Maestro. Direzione artistica Katia Sacchetti. La seconda settimana di programmazione si chiuderà domenica 26 con lo spettacolo “Nevrotica presente reading”, di Pizzi – Quattrini; Regia Patrick Rossi Gastaldi. Con Paola Quattrini. Una donna, tante donne e i loro momenti di verità. Un agitato, inatteso, ironico, divertente, contemporaneo viaggio attraverso le sempre più presenti nevrosi della nostra epoca. Lo spettacolo è legato alle performances di una vera mattatrice, Paola Quattrini, che ha fatto la storia del cinema e del teatro italiano, con una carriera iniziata precocemente e proseguita con autori e registi del calibro di Pietro Garinei, Arnoldo Foà, Pupi Avati. Accompagnata dal maestro Massimo Moriconi, Paola rappresenterà un variopinto collage di figure femminili, personaggi che scandiranno una irriverente biografia collettiva in cui tante (e tanti…) di noi si riconosceranno.

Sempre dal giovedì alla domenica, proseguirà anche la Terrazza del Belvedere, con food e drink, arte, musica nell’isola pedonale, tra Corso della Repubblica, via Maccari fino a largo Turriziani, progetto realizzato con gli assessorati al commercio (coordinato da Antonio Scaccia) e centro storico.

Frosinone, teatro musica e cabaret tra le porte è, anche quest’anno, con ingresso rigorosamente libero. Prenotazione telefonica obbligatoria, fino ad esaurimento posti, nel rispetto delle norme sanitarie, allo 0775/1893548, nei seguenti giorni e orari: dal lunedì al giovedì, 9.30 – 12.30; dal giovedì alla domenica, 16.30 – 18.30. Il pubblico dovrà presentarsi all’ingresso di piazzale Vittorio Veneto munito di mascherina, che potrà poi rimuovere e riporre appena seduto in platea per assistere allo spettacolo.

Coloro che avranno effettuato la prenotazione saranno attesi fino a 15 minuti prima dell’inizio degli spettacoli, dando la possibilità dell’ingresso nell’area agli altri spettatori, in caso di assenza, sempre allo scopo di garantire il distanziamento sociale, che non potrà essere inferiore alla misura di un metro. www.comune.frosinone.it.