“Giornata della Memoria”, la commemorazione ad Alatri

A “Le Fraschette” di Alatri si è svolta la commemorazione della “Giornata della Memoria” in ricordo della persecuzione e dello sterminio del popolo ebraico, nonché dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.

Dopo i saluti istituzionali del Sindaco Morini e del Vice Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale Malandrucco, il Prefetto Portelli ha dato la parola alla Dott.ssa Silvia Haia Antonucci, Responsabile dell’Archivio Storico della Comunità Ebraica di Roma (ASCER) “Giancarlo Spizzichino”.

Erano presenti Autorità civili, politiche e militari, nonché i parenti di internati militari italiani a cui sono state consegnate, da parte del Prefetto, le medaglie ricordo.

Nel corso dell’evento, il Prefetto ha letto brani del discorso del Presidente della Repubblica dedicato alla Giornata della memoria.

L’iniziativa è la prima nella provincia e nei prossimi giorni, molto opportunamente, ne seguiranno altre organizzate dai Sindaci.

foto Quirinale

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel suo discorso al Palazzo del Quirinale ieri ha detto “Il Giorno della Memoria non è soltanto una ricorrenza, in cui si medita sopra una delle più grandi tragedie della storia, ma è un invito, costante e stringente, all’impegno e alla vigilanza.

In Italia e nel mondo sono in aumento gli atti di antisemitismo e di razzismo, ispirati a vecchie dottrine e a nuove e perverse ideologie. Si tratta, è vero, di minoranze. Ma sono minoranze sempre più allo scoperto, che sfruttano con astuzia i moderni mezzi di comunicazione, che si insinuano velenosamente negli stadi, nelle scuole, nelle situazioni di disagio.

La riproposizione di simboli, di linguaggi, di riferimenti pseudo culturali, di vecchi e screditati falsi documenti, basati su ridicole teorie cospirazioniste, sono tutti segni di un passato che non deve in alcuna forma tornare e richiedono la nostra più ferma e decisa reazione.

Noi Italiani, che abbiamo vissuto l’onta incancellabile delle leggi razziali fasciste e della conseguente persecuzione degli ebrei, abbiamo un dovere morale. Verso la storia e verso l’umanità intera. Il dovere di ricordare, innanzitutto, Ma, soprattutto di combattere, senza remore e senza opportunismi, ogni focolaio di odio, di antisemitismo, di razzismo, di negazionismo, ovunque esso si annidi. E di rifiutare, come ammonisce spesso la senatrice Liliana Segre, l’indifferenza: un male tra i peggiori.

Auschwitz, il più grande e più letale dei campi di sterminio – con le sue grida, il suo sangue, il suo fumo acre, i suoi pianti e la sua disperazione, la brutalità dei carnefici – è stato spesso, e comprensibilmente, definito come l’inferno sulla terra. Ma fu, di questo inferno, solo l’ultimo girone, il più brutale e perverso.

Un sistema infernale che ha potuto distruggere milioni di vite umane innocenti nel cuore della civiltà europea, soltanto perché, accanto al nefando pilastro dell’odio, era cresciuto quello dell’indifferenza”.

  NOMINATIVO

INSIGNITO

 

 

 

EREDI CHE RITIRANO MEDAGLIA

 

 

 

 

Autorità che hanno consegnato

 

 

1  

 

MALIZIA FORTUNATO

 

 

MALIZIA ROBERTO

(nipote/nonno)

 

 

PREFETTO

 

SINDACO CECCANO

(Dr. Roberto Caligiore)

 

2  

 

PRATA RENATO

 

 

 

PRATA MARISA

(figlia)

 

PREFETTO

 

SINDACO PIEDIMONTE S.GERMANO

(Avv. Gioacchino Ferdinandi)

 

3  

 

SINACOLA DOMENICO

 

 

 

SINACOLA ANTONIA

(figlia)

 

PREFETTO

 

SINDACO SANT’ELIA FIUMERAPIDO

(Sig. Fernando Cuozzo)

 

4  

 

 

BROCCOLI GIOVANNI

 

 

 

BROCCOLI ROSA

(figlia)

 

 

PREFETTO

 

SINDACO S.AMBROGIO SUL GARIGLIANO

(Avv. Sergio Messore)

 

 

5

 

 

 

PETRECCIA BIAGIO

 

 

PETRECCIA GIUSEPPE

(nipote/zio)

 

 

PREFETTO

 

SINDACO S.AMBROGIO SUL GARIGLIANO

(Avv. Sergio Messore)

 

6  

 

PETRECCIA CARMINE

 

 

PETRECCIA GIUSEPPE (figlio)

 

 

PREFETTO

 

SINDACO S.AMBROGIO SUL GARIGLIANO

(Avv. Sergio Messore)

 

7  

 

SIMEONE AMEDEO FILIBERTO

 

 

 

PATRACCONE ANTONELLA

(nipote/zio)

 

PREFETTO

 

SINDACO S.AMBROGIO SUL GARIGLIANO

(Avv. Sergio Messore)