La Polizia di Stato festeggia il suo Patrono San Michele Arcangelo nell’Abbazia di Casamari

La splendida Abbazia di Casamari ha accolto questa mattina le donne e gli uomini della Polizia di Stato della Provincia di Frosinone, in occasione della ricorrenza del Santo Patrono.
Il Questore dr. Filippo Santarelli ha fatto gli onori di casa insieme a tutto lo staff dei Funzionari ricevendo il Signor Prefetto Dott.ssa Zarrilli, i Comandanti Provinciali delle Forze dell’Ordine, il Sindaco di Veroli, il Provveditore agli Studi, ed i tanti cittadini che hanno voluto testimoniare la loro vicinanza alla Polizia di Stato.

Presenti anche i rappresentanti dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato, sempre in prima linea nell’impegno per l’Istituzione, perché il percorso che hanno tracciato non venga mai dimenticato nel segno di una continuità sempre e comunque al passo con i tempi.
Nel corso della celebrazione eucaristica, officiata dall’ Abate Padre Eugenio Romagnuolo, con musiche dedicate eseguite dal coro “Concertus Musicus Fabraternus” diretto dal Maestro Mauro Gizzi, particolarmente toccante è stato il momento della recita della preghiera del poliziotto nel ricordo di coloro che non ci sono più.

In questo abbraccio ideale a tutta la famiglia della Polizia di Stato il Questore ha voluto ringraziare “le donne e gli uomini della Polizia di Stato che operano quotidianamente su diversificati fronti della sicurezza”, dedicando un pensiero a tutti i familiari dei poliziotti perché “supportano e sopportano il nostro lavoro”.

Nel pomeriggio, come di consueto, “Family Day” in Questura dove i familiari dei poliziotti potranno condividere la quotidianità del lavoro dei loro cari.