Malato di Alzheimer in piena notte cade in casa ad Isernia, soccorso dai Carabinieri

Ad Isernia, in piena notte, un 80enne malato di Alzheimer, cade in casa e la moglie, presa dal panico, non riesce a farlo rialzare.

Ddisperata formula il numero di emergenza “112”. L’operatore della Centrale Operativa dei Carabinieri di Isernia, tenta di tranquillizzare l’anziana donna tenendole compagnia al telefono, mentre sul posto viene inviata una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile, che in pochissimi minuti raggiunge l’abitazione della coppia.

I due carabinieri prestano così soccorso all’80enne rialzandolo e adagiandolo sul letto.

Fortunatamente per il malcapitato non ci sono state conseguenze fisiche ma solo un po’ di spavento.

Ai carabinieri che si sono successivamente sincerati delle condizioni di salute dell’uomo, la moglie che aveva chiesto il loro intervento, ha rivolto sinceri ringraziamenti per la particolare sensibilità dimostrata.

Questa vicenda evidenzia come l’Arma dei Carabinieri oltre ai problemi connessi alla sicurezza pubblica in genere, sia costantemente impegnata a prestare la massima attenzione verso tutti quei problemi, di qualsiasi natura essi siano, che possono riguardare le fasce più deboli e indifese, come appunto gli anziani, in particolare durante il periodo estivo quando spesso rimangono soli in casa, prestando loro assistenza proprio come è avvenuto nel provvidenziale intervento eseguito la scorsa notte.