Montecassino – Scritture di luce conquista il cuore dei cassinati

Una magia che ha acceso la notte della città di Cassino. Una magia di luci, di arte, di cultura, una visione che ha alimentato altre immaginazioni in un susseguirsi di emozioni.

Scritture di luce del maestro Marco Nereo Rotelli è un’installazione luminosa che ha disegnato la facciata dell’abbazia di Montecassino nella giornata così importante dell’11 luglio.

“La parola in versi di Marco Nereo Rotelli si fa luce per significare la necessità di un verbo universale, della pace, della preghiera e della speranza”. Un messaggio che ha incuriosito e affascinato i tanti che sono saliti verso l’abbazia di Montecassino alla ricerca di un’immagine suggestiva da custodire per sempre.

Nella sala Restagno del Comune è stata allestita una sorta di “sala visione” con un maxi schermo per accogliere le autorità del territorio, dal prefetto Emilia Zarrilli al rettore Giovanni Betta passando per la direttrice della casa circondariale Irma Civitareale e il presidente della Camera di Commercio Marcello Pigliacelli, un parterre di grande impatto in cui il sindaco Carlo Maria D’Alessandro ha avuto il ruolo di padrone di casa.

L’abate di Montecassino dom Donato Ogliari è stato accolto con grande stima e dopo aver partecipato al momento preparatorio all’evento vero e proprio è tornato in abbazia dove, accato al maestro Marco Nereo Rotelli, ha avuto l’onore di far accendere le ‘scritture di luce’.

L’iniziativa è stata promossa dall’associazione Ars Interamna presieduta da Antonio Evangelista insieme al Presidente della Banca Popolare del Frusinate, Domenico Polselli, al Vice Presidente della Camera di Commercio, Guido D’Amico, all’abbazia di Montecassino e al Comune di Cassino che ha creduto in questo progetto sostenendolo e trovando le sinergie per renderlo possibile.