Non si fermano all’alt di polizia e carabinieri, ladri di auto acciuffati e denunciati a Cassino

Nelle prime ore di questa mattina una pattuglia della sottosezione di Polizia Autostradale di Cassino ha intimato l’alt ad una Golf che viaggiava in autostrada nei pressi di Cassino. L’auto invece di fermarsi ha iniziato una rocambolesca fuga fino al casello autostradale di San Vittore del Lazio, dove ha forzato la sbarra in plastica continuando la fuga in direzione di Cassino. Alle ricerche hanno partecipato anche i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della compagnia di Cassino, che effettuato un posto di controllo sulla S.R. 6 Casilina.

Poco dopo sopraggiungeva a forte velocità la Golf alla quale veniva intimato nuovamente “l’alt” dal capo equipaggio. Di nuovo, il conducente dell’autovettura invece di fermarsi accelerava la marcia e dirigendosi verso il centro abitato di Cassino dove, imboccando anche contromano alcune strade a senso unico di marcia, riusciva a far perdere le proprie tracce.

In via Del Carmine poco dopo i carabinieri hanno trovato l’auto abbandonata, che dagli accertamenti è risultata essere stata rubata nella capitale.

Nel corso delle ricerche del fuggiasco i carabinieri operanti ed i poliziotti del Commissariato di Cassino, hanno intercettato una Volkswagen Tiguan con a bordo quattro persone che sono risultati essere censiti per furto di autovetture.

I quattro assumevano un atteggiamento insofferente al controllo, per cui venivano accompagnati in ufficio per ulteriori accertamenti. Sopraggiunto poco dopo presso il Comando Compagnia di Cassino, il personale della Polizia Autostradale che aveva proceduto al controllo durante la notte,  riconosceva senza ombra di dubbio tra i quattro fermati il conducente della Golf datasi alla fuga.

I quattro, sono quindi stati denunciati per i reati di furto aggravato in concorso e resistenza a P.U. e proposti per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Cassino per 3 anni. L’auto è stata restituita al proprietario.