Pico – Si rinnova la tradizione dei pani di San Rocco

Il 16 agosto a Pico, in provincia di Frosinone, è un giorno speciale. La celebrazione di San Rocco si intreccia con una tradizione locale che il tempo non scalfisce: la benedizione dei pani di San Rocco. Il rito si lega strettamente all’agiografia del santo francese e all’iconografia del pane e del cagnolino.

Ogni anno, nei giorni precedenti la solennità di San Rocco, le donne in particolar modo, si impegnano nella preparazione dei pani. Sono piccoli panini né dolci né salati che vengono cotti nei forni a legna per essere portati processione.

I pani sono decorati con nastrini colorati sorretti da spilli e deposti in ceste di vimini anch’esse decorate con stoffe ricamate e fili colorati. I portatori dei panini hanno un ruolo privilegiato durante la processione e vedere queste ceste tutte insieme portate spesso in testa come si usava fare una volta dà il senso della festa.

I pani sono deposti davanti la chiesa di San Rocco dove si celebra la messa officiata da don Emanuele Secondi e poi il corteo accompagnato dalla banda prosegue fino alla chiesa di Sant’Antonino Martire dove i panini vengono benedetti.

Dopo la benedizione è un tripudio, i pani vengono distribuiti tra tutti i fedeli che accorrono per la ricorrenza. Un atto votivo, un gesto simbolico di fede che unisce i picani compresi gli emigrati che tornano nei giorni di ferragosto per partecipare a questa tradizione tipica del paese.