Regione Lazio, Smeriglio a Colfelice incontra i sindaci dei piccoli comuni

Un nuovo bando per il microcredito, una sorta di reddito per le attività formative dei giovani dai 18 ai 29 anni, “per restituire ai ragazzi confidenza con la parola futuro”. Sono questi gli ulteriori progetti che la Regione Lazio ha in programma entro il termine del mandato. Ad illustrarli è stato il vicepresidente Massimiliano Smeriglio a margine dell’iniziativa che si è tenuta questa mattina presso la Sala consiliare del Comune di Colfelice.

Un’occasioneper dare voce agli amministratori dei piccoli comuni. Il vicepresidente Smeriglio ha tracciato un resoconto di questi cinque anni di governo del Lazio: “Un bilancio positivo, oggi abbiamo una Regione sana e a breve ci saranno notizie importanti dal commissariamento della sanità. Ci sono tante cose che non siamo riusciti a fare e per questo la squadra di Nicola Zingaretti si ricandida”. Per quanto riguarda i piccoli comuni ha anticipato: “Stamattina abbiamo gettato le basi di un impianto di governo per stare al fianco dei piccoli comuni che sono sempre più soli e con meno risorse. Vogliamo invertire questa condizione partendo dalle esperienze degli stessi sindaci”.
L’iniziativa di questa mattina presso il Comune di Colfelice è stato un buon banco di prova della proposta di istituzione di un assessorato ai piccoli comuni. Oltre al vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio, hanno partecipato la consigliera regionale Daniela Bianchi e molti amministratori del territorio tra cui Marco Galli sindaco di Ceprano, Arturo Gnesi sindaco di Pastena, Carlo Rufo vicesindaco di San Donato Valcomino, Antonietta Damizia assessore di Serrone, Gianpio Sarracco sindaco di Fontana Liri, Lucio Fiordalisio sindaco di Patrica, Giuseppe Sacco sindaco di Roccasecca, Michele Antoniani sindaco di Vallecorsa e naturalmente il sindaco di Colfelice Bernardo Donfrancesco. I lavori sono stati coordinati da Gaetano Capuano.