Sabato 20 ottobre a Veroli il concerto “Il soffio dell’anima”

Veroli 17 ottobre 2018, Festa dell’invenzione del corpo di Santa Maria Salome. E’ la giornata in cui si commemora il secondo ritrovamento delle spoglie della Santa, avvenuto dopo il terremoto dell’8 settembre 1349 che distrusse interamente anche la città di Veroli. I danni furono ingenti, in rovina anche la “nova domus beate Marie Iacobi”, edificata sul luogo del ritrovamento delle reliquie della Santa. Tra le macerie, proprio il 17 ottobre dello stesso anno, fu ritrovata la piccola urna di pietra con il coperchio spezzato in tre punti, ma le reliquie erano integre. Racchiuse di nuovo in una cassa lignea, furono trasferite in Cattedrale il 25 maggio dell’anno seguente e vi rimasero fino al 1742, anno in cui furono riportate nella basilica e collocate nella “confessione” fatta costruire appositamente dal vescovo Lorenzo Tartagni. Da allora la ricorrenza viene celebrata come “festa della traslazione” mentre la data del 17 ottobre ricorda l’invenzione o la reinvenzione. La ricostruzione della basilica fu lenta e difficile, tanti erano i danni nell’intera città di Veroli sia agli edifici ecclesiastici che civili e questo complicò la reperibilità delle risorse necessarie tanto che si dovette far ricorso alla concessione di indulgenze. Determinante fu il contributo economico della nobile famiglia De Gasperis, originaria di Torrice, ma residente nella città della Santa patrona, e l’8 dicembre 1429, la nuova chiesa, innalzata sul primitivo oratorio che ne divenne la cripta, venne consacrata con il titolo di Concattedrale, dall’allora vescovo di Veroli Clemente Bartolomei, alla presenza del sindaco Pietro Antonio e di altri abati e religiosi della provincia. Proprio nel quadro delle iniziative religiose messe a punto dal Rettore della Basilica. Don Angelo Maria Oddi, per restituire solennità e la giusta entitá alla “reinvenzione” del 17 ottobre del lontano 1349, si inserisce l’evento concertistico “Il soffio dell’anima”, Omaggio a Salome, che avrà luogo sabato 20 ottobre alle ore 21,00 nella basilica di Santa Maria Salome. Oltre all’ ormai tradizionale presenza del Coro cittadino “Gaudete in Domino”, diretto dal Maestro Luigi Mastracci, l’evento si pregerà delle esibizioni del soprano Eleonora Caliciotti, accompagnata musicalmente dallo stesso Maestro Mastracci, che proporranno alcune tra le più importanti liriche del compositore riformista Licinio Refice.
Monia Lauroni