Sanità – Liste d’attesa ‘da tempi biblici’: “Torni a dicembre 2018”

ospedale
ospedale

Liste d’attesa da tempi biblici per la sanità del Lazio. Anche 500 giorni per ottenere una visita medica specialistica e a farne le spese sono soprattutto i cittadini della provincia di Frosinone. Il capogruppo di Forza Italia in Provincia, Gianluca Quadrini, ha lanciato l’allarme e rivolto gravi accuse alla giunta Zingaretti: “Nel Lazio abbiamo liste di attesa per visite specialistiche e poliambulatoriali lunghissime. Occorrono anche fino a 17 mesi per una visita. Questo è inaccettabile perché i cittadini sono costretti a recarsi fuori Regione per curarsi e solo chi può permetterselo si rivolge al servizio privato. La politica amministrativa di Zingaretti sta portando allo sfascio sanitario totale”. L’attacco di Quadrini sarebbe scaturito dalla segnalazione di una cittadina che recatasi ad uno degli sportelli Cup della provincia di Frosinone per prenotare un esame si è vista rispondere che la prima disponibilità utile era per dicembre 2018.

“Ormai quasi alla fine del suo mandato, Nicola Zingaretti è ancora ben lontano dall’aver sconfitto quello che lui stesso ha più volte definito uno dei più odiosi nemici suoi e della sanità laziale, le liste d’attesa, divenute fin troppo vergognose e inumane soprattutto riguardo la diagnostica per immagini, le visite cardiologiche e l’ecocolordoppler. Siamo alle solite: le promesse di un piano di abbattimento delle liste ma che ancora è nella sua fase di rodaggio. Assurdo”.

“I cittadini del Lazio e della provincia di Frosinone continuano a subire oltre il danno anche la beffa. Rinunciare alle cure, ritardare gli accertamenti, significa mettere a rischio la propria vita. Una vergogna che si trascina nel disinteresse del presidente della Regione Lazio che anziché conoscere quello che sta accadendo nella regione che dovrebbe amministrare, preferisce parlare di nuova era, di salto di qualità. Questo non significa amministrare per il bene dei cittadini, perché il diritto alla cura va garantito e non sperimentato”.