Santopadre – seconda tappa del percorso formativo promosso dal Comune con Agen.PA

Valorizziamo Santopadre: continua il ciclo di seminari per la valorizzazione dei prodotti locali

Il ruolo del Km0, nella valorizzazione dei prodotti tipici locali e dell’Artigianato è stato questo il tema del secondo incontro del percorso formativo che rientra nell’ambito del progetto “Valorizziamo Santopadre”. Il seminario è stato tenuto dagli esperti di Agen. PA. Carlo Trelle e Debora Valente che hanno spiegato: “Quando di parla di prodotti a Km0 si fa riferimento alle produzioni agricole e artigianali locali che provengono da aree rurali distanti a pochi chilometri dai punti vendita.

Acquistare prodotti a Km0, sia essi agricoli che artigianali, ha una molteplice rilevanza. Rappresenta una scelta green, in quanto riduce i fattori legati all’impatto ambientale come, l’emissione di anidride carbonica dovuta ai trasporti e all’impiego di imballaggi per la distribuzione. Allo stesso tempo risulta essere un  per la promozione dei prodotti tipici locali sia dell’agricoltura che dell’artigianato.

Inoltre, un territorio rurale che punta al Km0 e, quindi, alla filiera corta dà un valore aggiunto alle piccole aziende che ad oggi producono varietà agricole identitarie del territorio di produzione, garantendo proprietà organolettiche ed un maggior controllo sul prodotto che si acquista. I prodotti artigianali, invece, permettono l’identificazione del luogo di produzione, la storia e la valorizzazione degli antichi mestieri tramandati di generazione in generazione fino ad oggi.

Un’altra ragione per cui è importante puntare ai prodotti locali è quella economica, perché con la vendita diretta nei mercati locali si abbattono i costi legati alle intermediazioni e ai lunghi trasporti, ciò va ad incidere positivamente sulla tipologia di commercio che si instaura tra produttore e consumatore, basata su un acquisto dei prodotti più consapevole e trasparente.

Pertanto, la filosofia del km0 non può essere vista come una mera scelta ambientalista, morigerata e salutista, ma un’opportunità per il consumatore di andare alla scoperta delle tipicità locali, nonché delle aree rurali ad esse legate, in contrapposizione alla tendenza globalizzante degli ultimi lustri e alla logica di mercato sostenuta dalle industrie e dalla grande distribuzione organizzata”. Soddisfatto dell’andamento del progetto finanziato dalla Regione Lazio il sindaco di Santopadre Giampiero Forte.