Seggi elettorali, un arresto a Pignataro e una denuncia ad Aquino

Ieri a Pignataro Interamna i carabinieri della Stazione di San Giorgio a Liri hanno arrestato un 36enne del posto perché resosi responsabile del reato di “resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e porto illegale di armi o strumenti atti ad offendere e divieto di giocattoli trasformabili in armi”.

Nel tardo pomeriggio, il Comandante della Stazione Carabinieri di San Giorgio, durante un servizio di ispezione presso i seggi elettorali, veniva richiamato dalle urla provenienti dall’esterno di un seggio, constatando che due persone litigavano animatamente. Nella circostanza, il 36enne prendeva una pistola dal bauletto del suo scooter, parcheggiato poco distante, brandendola contro l’altro uomo, anch’egli del luogo, venendo prontamente bloccato dall’operante nonostante questi opponesse invano resistenza al fine di svincolarsi.

Al termine delle formalità di rito, il 36enne veniva pertanto tratto in arresto e sottoposto al regime dei domiciliari in attesa del rito direttissimo. La pistola, priva di tappo rosso, che solo successivamente risultava essere un’arma giocattolo, veniva sottoposta a sequestro.

Ad Aquino invece i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato un 54enne del luogo, incensurato, perché si è reso responsabile del reato di “divieto di introdurre all’interno di cabine elettorali telefono cellulare”.

L’uomo, nel corso delle operazioni di voto per le elezioni amministrative del comune di Aquino, introduceva il proprio telefono cellulare all’interno della cabina, senza scattare foto.