Simone Costanzo: “Il turismo è la grande risorsa per il futuro del nostro territorio”

“In una regione caratterizzata dalla presenza di un immenso patrimonio storico, artistico e naturale, il turismo rappresenta certamente un settore primario anche e soprattutto in ottica occupazionale”. Ad affermarlo è Simone Costanzo, candidato del PD alle prossime elezioni regionali del 4 marzo, che vede nel turismo il volano dell’economia regionale.

“I dati parlano chiaro – ha continuato Costanzo – + 15,9% dei flussi turistici a livello regionale, e +0,9% delle imprese della provincia operanti nel settore turistico. Questi dati sono indubbiamente incoraggianti ma occorre fare di più affinché questo comparto possa contribuire ancora più significativamente all’incremento economico ed occupazionale del nostro territorio”.

E Costanzo propone anche la ricetta per dare impulso a questo settore: ”
– Miglioramento ed efficientamento delle comunicazioni stradali e ferroviarie
– Pubblicazioni di bandi regionali per iniziative imprenditoriali legate al turismo che facciano leva sui circuiti esistenti (ad esempio il turismo termale di Fiuggi/Ferentino e invernale di Campo Catino, Prati di Mezzo e Campo Staffi) e su quelli promettenti ma non sufficientemente valorizzati favorendo la loro conoscenza soprattutto ad un pubblico internazionale (percorso religioso delle Abbazie, itinerario delle antiche città romane, tour delle città megalitiche e così via)
– Creazione di una unità a livello regionale specializzatasull’analisi dei trend turistici e delle iniziative di promozione a livello europeo e internazionale, in particolar modo in regioni e province che presentano caratteristiche simili al nostro territorio, al fine di fornire modelli di benchmark e buone pratiche ai soggetti coinvolti che vi operano
– Rafforzamento della formazione per le figure professionali afferenti al settore
” Il nostro territorio – ha concluso Costanzo – è ricco di fascino e tradizioni e vanta straordinari gioielli artistici, importanti siti archeologici, incredibili città preromane, splendidi borghi medievali e bellissime oasi naturalistiche. Possiede dunque – ha continuato- tutti gli elementi per poter offrire diverse tipologie di turismo in grado di soddisfare esigenze differenti: da quello storico-archeologico a quello religioso, da quello montano a quello termale. È compito dei futuri rappresentanti in Regione mettere in atto tutte le azioni possibili a supporto ed incentivazione di questo settore”.