Veroli, un Comune ‘Plastic free’

Borracce “green” per gli studenti verolani. Ovvero quando l’istituzionalità di un’azione sposa una vera vocazione alla tutela dell’ambiente. A Veroli l’impegno per la riduzione della plastica parte dai banchi di scuola. Una proposta approvata all’unanimità che il Comune di Veroli, in prima linea l’Assessorato all’Ambiente, ha concretizzato in circa duemila borracce in alluminio che nelle giornate di giovedì e venerdì prossimi, saranno distribuite agli studenti dei plessi di competenza del territorio comunale. Un gesto importante per sensibilizzare bambini e ragazzi ed affiancare famiglie e insegnanti nell’adozione di comportamenti più sostenibili per l’ambiente. Borracce verdi che andranno a sostituire le bottiglie confezionate, ‘impreziosite’ con lo stemma comunale di Veroli, una città che ha voluto così essere protagonista della campagna nazionale ‘Plastic Free’ che prevede appunto la riduzione dell’uso della plastica monouso nelle azioni quotidiane. Il motivo conduttore è molto semplice: più acqua del rubinetto vuol dire infatti anche meno plastica e quindi rispetto per l’ambiente e per il suo futuro. il Comune di Veroli conferma così il suo trend più che mai green e rafforza il legame simbolico fra i giovanissimi e l’ambiente. Meno plastica e un rinnovato rispetto per Madre Natura che fa onore a chi educa e a chi amministra. Un rispetto militante che da sempre, per precisa volontà e azione dell’amministrazione guidata dal sindaco Simone Cretaro ed ora affiancato dall’assessore di competenza Emanuele Fiorini, è concreto, attivo e privo di contenuti retorici. Anche un singolo Comune può fare la differenza, ovvero, prendendo in prestito una frase di Greta Thunberg, “Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza”.

Monia Lauroni